BORDIGHERA – CONCERTO DI CAPODANNO AL PALAZZO DEL PARCO

Martedì primo gennaio 2019, Palazzo del Parco, ore 17.30

Inaugurazione del 34° Inverno Musicale

Concerto di Capodanno

“L’Orchestra si diverte”

Orchestra Sinfonica di Bordighera

Direttore: Massimo Dal Prà

Musiche di J. Strauss, G. Verdi, L. Anderson

Ingresso € 5,00

Biglietti acquistabili esclusivamente nel giorno del concerto al Palazzo del Parco, dalle ore 14.00

Il programma completo dell’Inverno Musicale 2019 è disponibile su depliant specifico che sarà in distribuzione all’ufficio informazioni turistiche e negli esercizi commerciali.

Giovedì 3 gennaio, Palazzo del Parco, ore 21.00, Inaugurazione della Stagione Teatrale di Bordighera, in collaborazione con Nidodiragno/ coop CMC: ALESSANDRO BENVENUTI e STEFANO FRESI in [email protected] di Nunzio Caponio. Liberamente ispirato a Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes. Adattamento e regiaDavide Iodice. Una scrittura originale che prende ispirazione dall’opera di Cervantes, scagliando una volta di più la simbologia di questo “mito” contro la nostra contemporaneità. Due attori noti al grande pubblico impegnati nella ‘prima’ di una stagione che porterà anche Angela Finocchiaro, Lella Costa e Marina Massironial Palazzo del Parco. Informazioni complete su depliant specifico reperibile all’Ufficio turismo di Bordighera (0184262882 centro città) e negli esercizi commerciali. Per biglietti e altre info: Cooperativa CMC Nidodiragno tel. 0184544633

Venerdì 4 gennaio, Palazzo del Parco, ore 21.00, la Chiesa Evangelica “Novità di Vita” di Bordighera, dopo il successo delle edizioni precedenti, presenta lo spettacolo del gruppo Livingospel. Saranno proposti brani di gospel classico e moderno in lingua inglese e italiana. Solista: Patrizia Borlotti. Direttore: Franco Muggeo.

Sabato 5 gennaio, Palazzo del Parco, ore 18.00, Note per il nuovo anno. Concerto della Banda Musicale Borghetto S. Nicolò, Città di Bordighera. Musiche tradizionali, originali e trascrizioni per iniziare l’anno nel migliore dei modi. Generazioni diverse unite in un linguaggio universale per un messaggio di serenità e gioia. Direttore: Luca Anghinoni.

Domenica 6 gennaio, Lungomare Argentinadalle 8.00 alle 19.00, avrà luogo Bordighera, Città d’Arte, Mostra Mercato di Antiquariato e Collezionismo.

Domenica 6 gennaio, Centro Città, dalle 9.00 alle 20.00, La Befana Bordigotta organizzata dall’Associazione Confesercenti. Distribuzione gratuita di bevande e dolciumi con interventi musicali e attrazioni per i bambini. Nell’ambito della manifestazione, avrà luogo Bordighera, Città d’Arte, Mostra Mercato di Antiquariato e Collezionismo (vedi appuntamento sopra) nonché, alle 16.00 la Premiazione dei disegni e delle letterine più originali dei nostri bambini (vedi appuntamento dell’8 dicembre).

Domenica 13 gennaio, Via G. Mameli 83, presso i locali della Parrocchia (vicino ex ufficio postale) alle ore 15.00, Premiazione della XIX edizione dei Presepi sotto le stelle, a cura dell’Associazione culturale “Voci e Note sotto le Stelle” (vedi appuntamento del 9 dicembre).

Mercoledì 16 gennaio, Palazzo del Parco, ore 10.30, all’interno della rassegna per le scuole curata dal Teatro Nazionale di Genova, la Produzione Anfiteatro presenta Un dito contro i bulli con Naya Dedemailan, drammaturgia e regia Giuseppe Dibello, musiche dal vivo di Luca Visconti. Lo spettacolo, che trae ispirazione da “Il dito magico” di Roald Dahl, racconta la storia di una bambina che possiede un involontario ma straordinario potere che si concentra tutto nel suo dito indice. Se assiste ad ingiustizie o ne è lei stessa vittima, il suo dito magico colpisce con conseguenze sempre imprevedibili. Dedicato al pubblico dai nove ai dodici anni. Ingresso € 6.00

Domenica 20 gennaio, Palazzo del Parcoore 16.30, 34° Inverno Musicale di Bordighera, La Traviata di Giuseppe Verdi. Opera in forma semiscenica, costumi e voce narrante. Violetta: Magdalena Elizabeth Gallo, soprano; Alfredo Germont: Dangelo Diaz, tenore; Giorgio Germont: Carlo Prunali, baritono; voce narrante: Loredana de Flaviis. Ensemble Opera Quintet. Tecnico luci, Roberto Punzi. Il programma completo dell’Inverno Musicale è disponibile su depliant specifico, in distribuzione all’ufficio informazioni turistiche e negli esercizi commerciali.

Domenica 27 gennaio, Palazzo del Parco, ore 17.00 In occasione della Giornata della Memoria, Liber Theatrum presenta Italiani brava gente regia: Diego Marangon. Si dice: “Italiani brava gente”; ma è sempre stato così? Un viaggio a ritroso nella storia d’Italia per capire e scoprire cosa successe nel nostro Paese all’indomani della promulgazione delle leggi razziali nel settembre del 1938, tra indifferenza e complicità.

34° INVERNO MUSICALE

Grandi novità quest’anno nella 34esima edizione dell’Inverno Musicale di Bordighera, la nostra più prestigiosa rassegna di musica classica. Abbiamo riconfermato il rapporto con l’Orchestra Sinfonica di Bordighera che proporrà, oltre al Concerto di Capodanno, altri due spettacoli di grande musica e poi una rassegna di lirica con tre capolavori assoluti quali La Traviata, Tosca e il Barbiere di Siviglia. Pensiamo in questo modo di venire incontro ai desiderata del pubblico allo scopo di offrire, a cittadini e ospiti, delle piacevoli domeniche musicali nella nostra cara Bordighera. Agli artisti, agli operatori del settore e al nostro pubblico, gli auguri di una stagione musicale ricca di emozioni.

IL SINDACO

Dott. Vittorio Ingenito

Martedì 1 gennaio 2019, Palazzo del Parco, ore 17.30

Associazione Culturale Ali di Bambù

Inaugurazione del 34° Inverno Musicale

Concerto di Capodanno

“L’Orchestra si diverte”

Orchestra Sinfonica di Bordighera

Direttore: Massimo Dal Prà

Musiche di Strauss, Verdi, Anderson

Domenica 20 gennaio, Palazzo del Parco, ore 16.30
La Traviata di Giuseppe Verdi
Opera in forma semiscenica, costumi e voce narrante
Violetta Valéry: Magdalena Elizabeth Gallo, soprano
Alfredo Germont: Dangelo Diaz, tenore
Giorgio Germont: Carlo Prunali, baritono
Voce narrante: Loredana de Flaviis
Ensemble Opera Quintet

Domenica 3 febbraio, Palazzo del Parco, ore 16.30
Concerto lirico-sinfonico
Ouverture e arie d’opera
con il soprano Angelica Cirillo
Musiche di Gounod, Puccini, Verdi
Orchestra Sinfonica di Bordighera

Direttore: Massimo Dal Prà

Domenica 17 febbraio, Palazzo del Parco, ore 16.30
Tosca di Giacomo Puccini
Opera in forma semiscenica, costumi e voce narrante
Floria Tosca: Angelica Cirillo, soprano
Mario Cavaradossi: Alessandro Fantoni, tenore

Barone Scarpia: Sergio Bologna, baritono
voce narrante: Franco La Sacra
Ensemble Opera Quintet

Domenica 3 marzo, Palazzo del Parco, ore 16.30
Concerto Sinfonico. Due giovani geni
Musiche di Mozart e Mendelssohn
Orchestra Sinfonica di Bordighera
Direttore: Massimo Dal Prà


Domenica 17 marzo, Palazzo del Parco, ore 16.30
Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini
Opera in forma semiscenica e costumi
Il Conte d’Almaviva, Alejandro Escobar, tenore
Don Bartolo: Claudio Ottino, basso/baritono
Rosina: Scilla Cristiano, soprano
Figaro: Alessio Verna, baritono
Don Basilio: Davide Mura, basso
Ensemble Opera Quintet

Biglietti: Intero € 12,00; ridotto (dagli undici ai diciotto ed oltre i sessantacinque anni) € 10,00; fino a dieci anni, gratuito. Concerto del primo gennaio: € 5,00. I biglietti per tutti gli spettacoli si acquistano esclusivamente nel giorno e nel luogo del concerto, dalle ore 14.00. Il pubblico è ammesso fino all’inizio della rappresentazione e limitatamente alla disponibilità dei posti a sedere. Fatto salvo il diritto di cronaca, è vietato ai soggetti non autorizzati filmare, registrare e/o fotografare. La versione on line del dépliant è disponibile su www.bordighera.it  Informazioni:  Uffici cultura e turismo, in orario di lavoro, rispettivamente ai seguenti numeri: 0184272205; 0184272230. Si declina ogni responsabilità per variazioni, errori ed omissioni.

Direzione artistica ed organizzativa
(Comune di Bordighera)

Dario Grassano, Luca Moreno

Tecnico luci (concerti lirici): Roberto Punzi

Immagini fotografiche: Eugenio Conte

Progetto grafico: Il Pennino Grafica per l’Immagine

Distribuzione: mgbservizi.com

Scansiona il codice con il tuo smartphone

 P A L A Z Z O    D E L    P A R C O    B O R D I G H E R A

dal 3 gennaio al 26 aprile 2019

Fughe di Teatro e di Umorismo,

 felice ritorno al passato

Quando si riannodano i fili riallacciando connessioni culturali, di senso e di “appartenenza” è sempre un piccolo, grande miracolo che si compie.

E quello di Bordighera, vogliamo proprio considerarlo, così, un “miracoloso ritorno”, alla sua tradizione teatral/culturale e, nondimeno, alla sua attitudine umoristica che tanto ha saputo dire e dare in passato con il Salone dell’Umorismo basato su vignettistica e letteratura comica ma anche e soprattutto con il Festival del cinema umoristico che per il decennio ’55 – ’64 ha fatto conoscere Bordighera nel mondo ospitando la massima parte dei divi nazionali e internazionali dell’epoca.

E citiamo per il panorama italiano Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Nino Manfredi, Aldo Fabrizi, Vittorio Gassman.

Fughe di Teatro… e di Umorismo a Bordighera (il titolo rimanda anche alla rassegna Fughe di carta, preziosa esperienza letteraria di alcuni anni fa), nasce proprio con questa vocazione che mette in atto attraverso un poker di proposte di alto profilo, una felice commistione di storie e di volti amati dal grande pubblico.

Se il fil rouge è quello di un umorismo intelligente, a volte sotteso, mai urlato, il percorso è intenso e non prevedibile: quattro spettacoli – da gennaio ad aprile 2019 – per quattro appuntamenti mensili a Palazzo del Parco, in grado di unire la popolarità di grandi nomi ad alti standard di valore e ricerca artistica.

La stagione parte giovedì 3 gennaio, ancora in aria di festività natalizie, da una moderna riscrittura  del Don Chisciotte: in scena, Alessandro Benvenuti Stefano Fresi, nomi conosciuti della fiction (insieme ne I delitti del BarLume), del cinema e del teatro, danno voce alla battaglia contemporanea di due (anti)eroi strampalati dei nostri tempi; la rassegna approda poi, lunedì 11 febbraio, ai labirinti inestricabili di Angela Finocchiaro, che si rivela una moderna Teseo affiancata da ben sei ballerini guidati dall’inventiva di Hervé Koubi, uno dei più talentuosi e affermati coreografi sulla scena internazionale, per uno spettacolo dove si ride e ci si emoziona avvalendosi di più linguaggi espressivi. Fughe di teatro incontra poi, sabato 2 marzo, la comicità e l’intelligenza di Lella Costa, attrice amatissima nel Ponente, che torna a Bordighera con l’ironica rilettura della rubrica di Natalia Aspesi (“Le lettere del cuore” del Venerdì di Repubblica):  un viaggio attraverso la vita sentimentale e sessuale degli italiani nel corso degli ultimi trent’anni; chiude, infine, venerdì 26 aprile, in pieno ponte primaverile, uno spettacolo di grande freschezza, che vede in scena Marina Massironi e Roberto Citran:  al centro di un divertente incontro-scontro, c’è un presunto quadro di Jackson Pollock, artista che proprio a Bordighera  venne esposto negli anni Cinquanta in occasione delle mostre  dedicate all’arte americana (1952-57).

La rassegna è realizzata con il contributo del Comune di Bordighera; organizzata e diretta da Nidodiragno Produzioni/CMC e da Claudia Claudiano.

BIGLIETTI

Intero – euro 18,00

Ridotto (under 25) – euro 10,00

Abbonamento ai 4 spettacoli – euro 50,00

PER INFO & PRENOTAZIONI TELEFONICHE

tel. 0184.544633 dal lunedì al venerdì  ore 9/13 – 15/18.30;  eccetto festivi (24,25,26 dicembre / 1 e 6 gennaio)

[email protected]

BOTTEGHINO

presso la biglietteria di Palazzo del Parco, via 1° maggio – Bordighera (IM)

Ogni giovedì (dal 6.12.2018 al 25.04.2019) – dalle 16 alle 19

e nei giorni di spettacolo, dalle 17 alle 19 e dalle 20 alle 21

Giovedì 3 gennaio – ore 21.00

Alessandro Benvenuti e  Stefano Fresi in

[email protected]

di Nunzio Caponio

liberamente ispirato a Don Chisciotte della Mancia di M. de Cervantes
adattamento e regia Davide Iodice

produzione Arca Azzurra

Una scrittura originale che prende ispirazione dallo spirito dell’opera di Cervantes, scagliando una volta di più la simbologia di questo “mito” contro la nostra contemporaneità.

Sul palco, due volti noti del cinema, televisione e teatro, già partner nella fortunata serie tv “I delitti del BarLume”: con vesti sgangheratamente complottiste e una spiritualità naif, accompagnato da un Sancho che è insieme figlio e disorientato adepto (Stefano Fresi), il nostro moderno Don  (Alessandro Benvenuti) intraprende un corpo a corpo disperato e “comico” contro un mondo sempre più virtuale, spinto a trovare l’origine del male nel sistema che lo detiene.

Dall’improbabile rifugio in cui si è rintanato, Chisciotte lotta per mantenere intatto il suo pensiero critico coltivando ancora un’idea: l’Idea.

Unica finestra sull’esterno (o su altri interni), una teoria di schermi che si affaccia su personaggi e mondi annodati, interferenze che spronano i nostri eroi all’azione… a una qualche azione.

E se, nella giostra di pensieri che galoppano progressivamente verso l’inevitabile delirio, le menti malefiche dei giganti delle multinazionali sono il nemico contro cui scagliarsi, l’Amore è ancora il vento che soffia e muove: anche se Dulcinea, intrappolata in una webcam, può svanire dolorosamente per un banale blackout.

Lunedì 11 febbraio – ore 21.00

Angela Finocchiaro in

“Ho perso il filo”

soggetto di Angela Finocchiaro, Walter Fontana, Cristina Pezzoli

con Giacomo Buffoni, Fabio Labianca, Alessandro La Rosa, Antonio Lollo, Filippo Pieroni, Alessio Spirito

testo di Walter Fontana
regia Cristina Pezzoli

produzione Agidi

Una commedia, una danza, un gioco, una festa: tutto questo è “Ho perso il filo”.

In scena una Angela Finocchiaro inedita, che si mette alla prova in modo sorprendente per raccontarci con la sua stralunata comicità e ironia un’avventura straordinaria, emozionante e divertente al tempo stesso: quella di un’eroina pasticciona e anticonvenzionale che parte per un viaggio, si perde, tentenna ma poi combatte fino all’ultimo il suo spaventoso Minotauro.

Angela si presenta in scena come un’attrice stufa dei soliti ruoli: oggi sarà Teseo, il mitico eroe che si infila nei meandri del Labirinto. Affida agli spettatori un gomitolo enorme da cui dipende la sua vita, e parte; una volta entrata però, niente va come previsto.

Lo spettacolo vive del rapporto tra le parole comiche di un personaggio contemporaneo e la fisicità acrobatica, primitiva, arcaica delle “creature del labirinto” che agiscono, lottano e provocano come una gang di ragazzi di strada imprevedibili, spietati e seducenti.

Il labirinto è un simbolo antico di nascita – morte – rinascita. Anche Angela, dopo aver toccato il fondo, riuscirà a ritrovare il filo e con esso la forza per affrontare il “mostro” finale, in un epilogo inatteso che si trasforma in festa collettiva coinvolgente e liberatoria.

Si ride, ci si emoziona, si gode di uno spettacolo che si avvale di più linguaggi espressivi grazie agli straordinari danzatori guidati dall’inventiva di Hervé Koubi, uno dei più talentuosi e affermati coreografi sulla scena internazionale, e naturalmente alla capacità comica di Angela Finocchiaro di raccontare un personaggio che è molto personale e allo stesso tempo vicino al cuore di molti.

Sabato 2 marzo – ore 21.00

Lella Costa in

“Questioni di cuore”

dalla rubrica di Natalia Aspesi su “il Venerdì” di Repubblica

da un’idea di Aldo Balzanelli

produzione Mismaonda

Le “lettere del cuore” di Natalia Aspesi sul Venerdì di Repubblica diventano uno spettacolo.

Un viaggio attraverso la vita sentimentale e sessuale degli italiani nel corso degli ultimi trent’anni. I tradimenti, le trasgressioni, le paure, i pregiudizi.

A dare voce sul palco a questa corrispondenza, Lella Costa in un gioco di contrappunti tra botta e risposta che raggiunge tutte le sfumature, i diversi gradi d’intensità e di intimità.

Migliaia di storie intorno all’amore e alla passione che, incredibilmente, non cambiano con il passare del tempo e l’evoluzione del costume. Dalla ragazzina infatuata per un uomo tanto più grande di lei, alla signora che s’innamora di un sacerdote, dalla moglie tradita e abbandonata, al giovane che si scopre gay, al maschio orgoglioso della sua mascolinità.

Tutti hanno impugnato la penna (più recentemente la tastiera del pc) per scrivere a Natalia Aspesi chiedendo un consiglio, un parere. E le risposte, argute, comprensive, feroci… spesso sono più gustose delle domande.

Venerdì 26 aprile – ore 21.00

Marina Massironi e Roberto Citran in

“Le verità di Bakersfield”

di Stephen Sachs

traduzione Massimiliano Farau
regia Veronica Cruciani

produzione Nidodiragno/CMC – Sara Novarese – Pickford

“Le verità di Bakersfield” di Stephen Sachs, portato in scena nei migliori teatri negli Stati Uniti e tradotto in diverse lingue per diversi paesi, giunge finalmente in Italia grazie alla coproduzione di Nidodiragno/CMC – Sara Novarese – Pickford.

Due destini, due vicende umane lontanissime che si incontrano nello scenario di una America sempre percorsa da forti divari sociali. Maude, una cinquantenne disoccupata appare come una donna ormai vinta dall’esistenza, ma nell’evidente disordine della sua caotica roulotte è celato un possibile tesoro, un  presunto quadro di Jackson Pollock.

Il compito di Lionel, esperto d’arte di livello mondiale, volato da New York a Bakersfield,  è quello di fare l’expertise dell’opera che, in caso di autenticazione, potrebbe far cambiare completamente vita alla sua interlocutrice.

Il dialogo, che si svolge interamente tra le cianfrusaglie della casa-roulotte, marca molto le differenze tra i due, ma nel prosieguo dell’incontro succede che Maude si riveli assai meno sprovveduta di quanto appare e la posizione di Lionel appaia via via sempre più fragile in una sorta di ribaltamento di ruoli che conduce all’epilogo…

Ispirato da eventi veri, questo dramma comico ed esilarante crea domande vitali su ciò che rende l’arte e le persone veramente autentiche.  Marina Massironi e Roberto Citran, attori molto amati, lo interpretano magistralmente diretti dalla mano sapiente di Veronica Cruciani.